Home Cronaca Cronaca Padova

LA PUBBLICITA’ VENETA PERDE UNO DEI SUOI PROTAGONISTI STORICI: CLAUDIO GALLON

470
CONDIVIDI

claudio-gallonPADOVA. 19 MAR. La pubblicità veneta perde uno dei suoi protagonisti storici, Claudio Gallon soprannominato il “corsaro della cultura”. È deceduto lunedì pomeriggio a Padova, la città che ha visto il suo sorgere professionale e il suo affermarsi nel contesto della comunicazione d’impresa italiana.

Era uomo di tempra antica, benvoluto e stimato. Aveva fondato e poi per sempre diretto l’agenzia Adver, proprio in faccia alla basilica del Santo, sede che mai aveva abbandonato quasi fosse parte della sua identità.

Era all’inizio degli anni Sessanta, quando il Nordest, non ancora chiamato così, fremeva di innovazione e di intrapresa. E la pubblicità incominciava ad avere la consapevolezza del suo ruolo, in simbiosi con il crescere delle aziende.
Fin da subito Claudio Gallon, con la sua Adver, si distinse nel mondo delle agenzie venete per il suo tasso di professionalità e di competenza.

La storia della suo successo è speculare alla storia delle imprese del Nordest. Piccolo business, poi medio, poi grande. Furono suoi clienti Aperol e Stock, Oviesse e Safilo, Palazzetti e Dal Vera, Porche e Madras, solo per citarne alcuni tra i maggiori.

Fu presidente dell’Associazione Pubblicitari Veneti e a lungo socio della TP l’associazione dei professionisti italiani della comunicazione.
Sotto la sua scuola sono cresciuti molti dei pubblicitari veneti, oggi professionisti di successo.

Prossimo ai settant’anni, s’è ritirato dalla sua Adver, lasciando il passo a nuovi soci. Di cultura eclettica, s’è dedicato alla sua altra passione, l’editoria coniugata alla scrittura. In libreria, due suoi titoli: “Vi rammento o luoghi ameni” e “Vuoi vedere che è proprio Lia”, pregevoli racconti.

Se n’è andato adesso, a settantatre anni, dopo una tormentata malattia. I funerali si sono svolti questa mattina nella chiesa parrocchiale di Noventa Padovana, in via Roma, alle 10.30.

Comments are closed.